Sostienici
24 Gen 2023

Un Piano per l’internazionalizzazione del Trentino

Sono state presentate oggi le linee guida su cui verrà costruito il Piano strategico provinciale per l’internazionalizzazione delle imprese trentine. Sono il frutto di mesi di lavoro e confronto tra la Provincia autonoma di Trento, Trentino Sviluppo, il Comitato strategico per l’internazionalizzazione, le associazioni di categoria e un gruppo di aziende in rappresentanza del tessuto imprenditoriale. Obiettivo: arrivare alla stesura, nei prossimi mesi, di un documento programmatico e pluriennale in grado di dare una spinta e un supporto all’export delle imprese del territorio e offrire loro un punto di riferimento sicuro e iniziative pianificate nel medio termine.

Il documento nasce infatti dall’esigenza di dare un sostegno alle aziende trentine nelle proprie azioni di internazionalizzazione, guidarle nelle fasi più delicate e, contestualmente, rafforzare il brand “Trentino” all’estero.
I numeri dicono che l’export trentino è cresciuto nell’ultimo decennio più della media nazionale, ma che rimane ancora su livelli più contenuti rispetto ai suoi principali competitor, che registrano una maggiore dinamicità anche su altre misure complementari, come la capacità di attrarre gruppi internazionali. Le possibilità di crescita per l’internazionalizzazione in Provincia sono quindi ancora rilevanti, in particolare per le realtà più piccole, che in gran parte (61%) dichiara di non affacciarsi oltre confine.
È evidente che il Trentino deve diventare sempre di più un territorio attrattivo per figure altamente professionalizzanti, continuare a supportare le imprese che adottano soluzioni green e spingere verso la digitalizzazione dei sistemi produttivi.
Un focus particolare deve poi essere dato alle realtà più piccole, che hanno una particolare difficoltà a superare lo scoglio dei costi fissi dell’internazionalizzazione. Per agire in questa direzione, è utile per le PMI una maggiore consapevolezza delle opportunità presenti nei diversi mercati, degli strumenti a disposizione per raggiungerli e delle competenze a cui le aziende possono attingere per muovere i primi passi all’estero. Queste informazioni potrebbero essere coordinate a livello provinciale attraverso un Osservatorio, che permetta di rispondere in maniera integrata ai bisogni delle imprese con un riscontro unico e coerente da parte di enti e associazioni. Durante le fasi di confronto con le aziende è stata sottolineata anche la necessità di sfruttare meglio bandi e finanziamenti europei, il cui accesso è spesso condizionato dalla mancanza di conoscenze specifiche e contatti diretti nelle sedi UE. È emersa infine l’esigenza di potenziare il brand “Trentino”, evidenziandone i punti di forza in chiave industriale.
Il Piano produrrà quindi una vera e propria guida all’industria trentina, che descriverà le eccellenze tecnologiche, i servizi a disposizione dei lavoratori, i punti di forza in termini di hub di conoscenza e le dotazioni infrastrutturali, prime fra tutte i Poli tecnologici sparsi sul territorio provinciale.

(Ufficio Stampa PAT)