Sostienici
13 Gen 2023

C’era una volta il telegramma, ma in Italia resiste

La Germania con il primo gennaio ha detto addio ai telegrammi. Il servizio è stato sospeso perché nel 2022 la media mensile non superava i 300 telegrammi. Una curiosità è il colpo di coda il 31 dicembre, l’ultimo giorno possibile, con ben 3228 invii. In Alto Adige, come nel resto del territorio nazionale, il telegramma è invece ancora un servizio apprezzato, anche se i numeri a causa di pec, mail e whatsapp ovviamanente sono scesi. Sono circa 200 quelli che ogni mese vengono spediti solo in Alto Adige. “Poste italiana manterrà il servizio”, conferma il direttore provinciale Luca Passero. “Si tratta – aggiunge – di un servizio che non ha grandissimi numeri, comunque viene ancora richiesto”. In Italia il telegramma può essere spedito anche online dal computer a casa e non è più necessario recarsi all’ufficio postale. Un messaggio fino a 20 parole costa 5,50 euro, mentre quelli all’estero 0,25 euro a parola. Nel 2023 il telegramma viene utilizzato soprattutto da privati per le condoglianze oppure dall”amministrazione pubblica per convocazioni, come per esempio per concorsi.

(ANSA).