Sostienici
31 Dic 2022

Ratzinger: vescovo Muser, conosceva molto bene l’Alto Adige

Papa Benedetto XVI conosceva molto bene l’Alto Adige: “A partire dal 1967 aveva più volte visitato la nostra terra – ricorda il vescovo Ivo Muser – da cardinale ha trascorso dieci vacanze a Bressanone, l’undicesima volta è venuto da Papa nel 2008. Durante questa visita, Papa Benedetto ci ha ricordato qual è la nostra vocazione: l’incontro tra lingue e culture”, così Muser esprimendo il cordoglio della diocesi. In segno di lutto per il papa emerito oggi alle 12 suoneranno le campane maggiori del duomo di Bolzano e del duomo di Bressanone. “L’umiltà, il coraggio di servire: questa è a mio parere la chiave della personalità di Joseph Ratzinger, del suo pensiero, della sua teologia, del suo concepire il ministero, del modo in cui è stato il nostro Papa. Infine, ma non meno importante, le sue dimissioni volontarie e consapevoli dal ministero petrino sono un’espressione di questo coraggio di servire”: così il vescovo Ivo Muser ricorda il papa emerito Benedetto XVI. “È una mia ferma convinzione: Joseph Ratzinger, papa Benedetto, è un Dottore della Chiesa del nostro tempo e ben oltre il nostro tempo! La sua morte renderà ancora più luminosa la sua teologia e il suo servizio alla Chiesa”: con queste parole il vescovo diocesano Ivo Muser ricorda il papa emerito Benedetto XVI. Come vescovo della Diocesi di Bolzano-Bressanone, Ivo Muser ricorda in questi momenti “con grande apprezzamento e gratitudine quella parte della sua biografia e del suo pontificato che lo legano in modo speciale alla nostra diocesi: al nostro seminario, a Bressanone e alla sua cattedrale, alla Chiesa locale e a tutta la nostra terra.”

(ANSA).