Sostienici
08 Nov 2022

Il 60% dei “provinciali” interessati al lavoro agile

Da dicembre ci sarà l’introduzione sistematica del lavoro agile in Provincia di Trento.
L’accordo sottoscritto a settembre con le organizzazioni sindacali, le cui modalità attuative sono ora in fase di concertazione, riguarda tutti i lavoratori dell’area non dirigenziale che svolgono attività svolgibili da remoto (sono quindi escluse alcune categorie: vigili del fuoco, forestali, addetti ai servizi ausiliari)  potenzialmente circa 2.200 persone (60%).

Oltre 1.200 dipendenti provinciali si sono collegati ieri al webinar informativo sulle nuove modalità per il lavoro agile organizzato dal Dipartimento organizzazione, personale e affari generali e Trentino School of Management in cui sono stati illustrati i nuovi assetti organizzativi collegati all’introduzione sistematica del lavoro agile.

Negli ultimi 2 anni (2021 e 2022), la percentuale dei lavoratori agili che hanno usufruito del “lavoro agile emergenziale” è oscillata tra il 63% e il 60%.

L’accordo per il lavoro agile, coerente con il Piano territoriale, approvato dalla Giunta provinciale nel settembre del 2021, prevede che le giornate di lavoro a distanza possano arrivare fino a 2 giorni in settimana elevabili a 3 in casi particolari di fragilità o necessità familiari dei dipendenti. La disciplina riguarda i dipendenti della Provincia autonoma di Trento, dei Comuni e delle APSP. Non si applica invece alla classe dirigente provinciale.
L’accordo prevede una fascia di collocabilità della prestazione con articolazione oraria flessibile e una fascia di inoperatività del lavoratore nella quale vige il diritto alla disconnessione e che coincide con il periodo di 11 ore di riposo consecutivo.
Particolare attenzione è stata dedicata nel testo al tema della sicurezza richiamando le Linee guida approvate dal Comitato provinciale di coordinamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro, sulla base di quanto previsto dal Piano strategico. Inoltre, a differenza della disciplina precedente, l’accordo prevede che nel periodo di lavoro agile trovino applicazione le disposizioni in materia di lavoro straordinario e/o supplementare.
Il Dipartimento organizzazione, personale e affari generali con il supporto di Trentino Digitale sta implementato la piattaforma “Sportello del dipendente” per garantire la completa gestione digitale degli accordi individuali che saranno sottoscritti a seguito dell’emanazione della circolare sulle modalità attuative del lavoro agile.

(Ufficio Stampa PAT)