Sostienici
13 Lug 2022

Geografie sul Pasubio: incontri in quota e trekking

Da domani al via quattro giorni (da 14 al 17 luglio 2022) dedicati al reportage con ospiti nazionali e internazionali, reporter e autori provenienti da Italia, Germania, Polonia, Slovacchia, Spagna, Svezia.

Incontri, dialoghi dedicati al reportage, al viaggio e ai temi caldi del momento con ospiti nazionali e internazionali fra malghe, rifugi e paesi. Il tutto abbinato a trekking e incontri in quota.

Palcoscenico della rassegna un luogo simbolo come il Monte Pasubio (tra le province di Trento e Vicenza): montagna frontiera per secoli tra Impero d’Austria-Ungheria, Repubblica di Venezia prima e Regno d’Italia poi, scenario di aspri scontri nella Grande Guerra.

È l’edizione 2022 di Geografie sul Pasubio che dal 2017 trasforma per quattro giorni il Monte Pasubio da luogo di memoria di passaggi, confini e battaglie in crocevia di storie e idee sulle molte forme con cui si possono raccontare i territori, i luoghi e ciò che contengono o li attraversano: paesaggi, città, fiumi, persone, memorie, animali, nature, società, fatti politici e storici, esistenze individuali. Un modo per confrontarsi con le vecchie e nuove geografie, quelle delle mappe e quelle impalpabili e poco definibili che non si possono mettere su carta.

Il tutto avviene in quota in luoghi raggiungibili a piedi tra le ore 12 e le ore 18. Itinerari da poche decine di minuti a più ore e, per i più avventurosi e chi è alla ricerca di un’esperienza diversa, c’è anche un trekking che collega in quattro giorni tutte le location con serate e pernottamenti in rifugio, condivisioni e la possibilità di passare del tempo in più con i reporter (iscrizione obbligatoria sul sito geografiesulpasubio.it). Se il trekking di più giorni richiede l’iscrizione, tutti gli incontri in programma con i reporter sono invece a partecipazione libera e gratuita.

Sui prati, sugli alpeggi, davanti ai rifugi si alternano ospiti provenienti da varie parti d’Europa: gli italiani Gabriele Battaglia, Valentina Parisi, Valerio Pellizzari, Andrea Pipino, l’italogiapponese Junko Terao, lo svedese Albin Biblom, lo spagnolo Sergio Del Molino, lo slovacco Tomas Forro, il polacco Witold Szabłowski, il tedesco Uwe Rada.

Si comincia domani, giovedì 14 luglio, a Terragnolo, in località Il Masetto alle ore 18, con l’incontro dedicato a KALININGRAD. LA CITTÀ BIFRONTE che avrà come protagonista l’autrice, traduttrice e slavista VALENTINA PARISI.

Il programma completo della rassegna sul sito geografiesulpasubio.it