Sostienici
30 Mag 2022

“Terzo tempo”: il Fuori Festival della Fondazione Franco Demarchi

Tra gli eventi collaterali del Festival dell’Economia torna anche quest’anno l’atteso spazio di Piazza Santa Maria Maggiore gestito ed organizzato da Fondazione Franco Demarchi.

Gli anziani “tra ordine e disordine pandemico” sono beneficiari e protagonisti attivi dell’innovazione che la Fondazione Franco Demarchi porterà in piazza Santa Maria Maggiore, a partire dal prossimo 3 giugno.
Nella giornata inaugurale 2 sono gli appuntamenti in evidenza: il racconto di esperienze concrete che negli ultimi anni hanno provato a creare valore generativo sul nostro territorio sarà il tema del talk delle ore 10 “Il welfare generativo e la terza età”, mentre alle ore 15, nell’incontro su “Spazio Argento e CuraInsieme”, saranno presentati gli esiti principali per la Riforma del welfare e il miglioramento della qualità della vita della popolazione anziana, delle famiglie e dei caregiver.

Mai come ora il sistema di welfare pubblico ha bisogno di innovazione, progettualità nuove e comunità che si riscoprono. Valentina Chizzola, ricercatrice di Fondazione Franco Demarchi, dialogherà, alle ore 10 del 3 giugno nell’incontro Il welfare generativo e la terza età: fra innovazione e comunità”, con Roberta Lochi, coordinatrice UISP Trentino e responsabile del progetto di welfare a KM0 “La vecchiaia che vorrei” e con Marco Tabilio, fumettista e autore, vincitore dell’ultima edizione di Strike, con un progetto sulla divulgazione della malattia di Alzheimer attraverso fumetti, animazione, laboratori.
Nel pomeriggio alle ore 15 saranno presentate alcune azioni territoriali nel talk “Spazio argento e CuraInsieme: sperimentazione e pratiche di welfare per la popolazione anziana”. Ad introdurre i principali esiti di ricerca e il progetto formativo per riconoscere, sostenere e valorizzare il familiare che presta assistenza sarà la vice-presidente della Fondazione Demarchi Francesca Gennai. Mentre ad interloquire con la ricercatrice Alba Civilleri e la formatrice Daniela Drago, entrambe di Fondazione Demarchi, sarà la giornalista Manuela Crepaz.