Telepace Trento
Siamo presenti sul canale 601 del digitale terrestre

"In questo mondo, i media possono aiutare a farci sentire più prossimi gli uni agli altri; a farci percepire un rinnovato senso di unità della famiglia umana che spinge alla solidarietà e all'impegno serio per una vita più dignitosa."
- Papa Francesco -

Ristrutturata la chiesetta alpina a Vaneze



La chiesetta alpina di Vaneze, sul Monte Bondone, ha una storia davvero particolare: edificata grazie alla tenacia di alcuni abitanti della comunità intorno agli anni 20 del secolo scorso, che vinsero ogni difficoltà economica e strutturale per regalare un luogo di spiritualità a tutti gli abitanti, ancora oggi è un punto di riferimento importante per tutti i bondeneri e non solo.

La sua ristrutturazione meritava quindi un adeguato festeggiamento, e così è stato: in occasione della festa della Madonna della Neve (alla quale la chiesetta è dedicata) sono stati organizzati due momenti, uno civile, con una conferenza stampa, e uno religioso, con la Santa Messa presieduta dall’Arcivescovo Lauro.

La chiesetta alpina si caratterizza in maniera peculiare anche per alcune caratteristiche che la contraddistinguono in modo particolare, prima tra tutte la sua posizione, che la rende un luogo privilegiato per la contemplazione delle meraviglie del creato, e poi anche per la tenacia e la genialità dell’architetto che la progettò,Ettore Sottsass.

Grande la soddisfazione anche da parte degli organizzatori, della Pro loco Monte Bondone nella persona del presidente Sergio Costa, dell’associazione “Il Gallo Cedrone”, per la presenza di numerosissime persone sia alla celebrazione eucaristica che alla festa organizzata in collaborazione con la sezione Alpini di Sardagna.

La chiesetta alpina rappresenta un bene per l’intera comunità del Monte Bondone; la sua ristrutturazione era uno degli obiettivi importanti da raggiungere proprio in vista della rivalutazione del patrimonio di questo territorio.


Pubblicato giovedì 10 agosto 2017 alle ore 14:32

La nostra pagina Facebook

In evidenza

SIR

I tweet del Papa