Telepace Trento
Siamo presenti sul canale 601 del digitale terrestre

"In questo mondo, i media possono aiutare a farci sentire più prossimi gli uni agli altri; a farci percepire un rinnovato senso di unità della famiglia umana che spinge alla solidarietà e all'impegno serio per una vita più dignitosa."
- Papa Francesco -

Protonterapia: prosegue la collaborazione con il Veneto



E' di ieri la notizia che verrà prorogato, fino al 31 dicembre 2021, lo schema di accordo con il Veneto per consentire ai pazienti della Regione di usufruire del Centro di protonterapia di Trento.

La decisione della Giunta provinciale, avvenuta ieri, su indicazione dell'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, verrà sottoscritta nei prossimi giorni.

il Centro di Protonterapia è una struttura altamente specialistica dedicata alla cura dei tumori, che svolge anche attività di ricerca nell'ambito clinico, preclinico, spaziale, dei sensori e delle infrastrutture.

La protonterapia è un trattamento radiante di precisione che utilizza particelle pesanti – i protoni – per irradiare le cellule tumorali con estrema precisione, risparmiando i tessuti sani intorno alla lesione.

Il Centro dispone di due sale dotate di gantry (ovvero la struttura che permette di indirizzare con grande precisione le radiazioni, ruotando a 360° intorno al paziente) e di una sala ad uso sperimentale e di ricerca, dotata di un fascio fisso.

Attualmente, Trento è l’unico centro di protonterapia afferente ad un’azienda sanitaria pubblica in attività in Europa ed è l’unico in Italia ad essere dotato di gantry e della tecnologia PBS (pencil beam scanning) per l’erogazione del fascio di protoni.

Il primo paziente adulto è stato trattato il 22 ottobre 2014: nel corso dei primi quattro anni di attività, lo studio e l’esperienza maturate dal personale del Centro hanno consentito di allargare progressivamente le tipologie di tumore trattate, conseguendo una serie di importanti primati scientifici a livello nazionale ed internazionale.

Nel corso del 2018 sono stati trattati 301 pazienti provenienti dal Trentino, dall'Italia e dall'estero, circa il 25% dei pazienti provengono dal Veneto.

(Fonte: uff stampa PAT)


Pubblicato sabato 11 maggio 2019 alle ore 14:10

La nostra pagina Facebook

In evidenza

SIR

I tweet del Papa